Lavoro e sviluppo economico

In questi anni in Comune, anche in qualità di Presidente della Commissione Lavoro, ho seguito lo svolgimento delle politiche occupazionali, dello sviluppo economico e della generazione d’impresa.

Mappe di densità (geomappe)

L’utilizzo delle Mappe di densità da parte del Comune di Milano può essere un efficace strumento per migliorare i servizi di ricollocamento e orientamento per chi cerca o ha perso lavoro e per i beneficiari di ammortizzatori in deroga.
Le mappe di densità sono uno strumento utilizzato originariamente in geologia e ora esportato nelle scienze sociali per l’analisi del territorio.
Lo strumento, che elabora i dati delle comunicazioni obbligatorie di instaurazione di un rapporto di lavoro e le dichiarazioni di disponibilità al lavoro dei disoccupati, rappresenta una vera e propria novità per quanto riguarda il contesto nazionale ed europeo ai fini della progettazione territoriale in quanto consente di:

  • individuare all’interno di un determinato territorio dove si trovano le aziende più attive nel mercato del lavoro (fornendo i nomi e indici di flessibilità dei contratti);
  • conoscere la mobilità territoriale dei lavoratori con estrema precisione;
  • valutare se i programmi formativi sono adeguati al contesto occupazionale.

Il progetto presenta ottime potenzialità di sviluppo a costi molto ridotti e permetterà al Comune di utilizzare le informazioni elaborate presso i propri sportelli dedicati al lavoro.
Un esempio concreto di cosa si intenda per rapporto sinergico tra Amministrazione locale e ricerca universitaria.

Intraprendimi

Un modo per ripensare l’idea della città produttiva, assumendo atti e provvedimenti amministrativi per intervenire, con investimenti diretti, anche in quella parte del bilancio che va sotto il nome di “funzioni nel campo dello sviluppo economico”.
Il progetto vuole muoversi lungo due direttrici: da un lato un insieme di iniziative volte a mobilitare risorse finanziarie pubbliche e private per generare nuove start-up e sviluppare PMI già esistenti; dall’altro sviluppare le condizioni affinché Milano diventi ancora di più un ambiente fertile per la crescita di imprenditoria innovativa e per la valorizzazione dei talenti.
Lo scopo di IntraprendiMI e quello di favorire la nascita di nuove imprese, incentivare l’imprenditoria giovanile, attrarre e trattenere i talenti, rafforzare la rete tra i protagonisti dello sviluppo in città,  sostenere concretamente creatività, ricerca e innovazione con l’obiettivo di produrre benefici sul nostro territorio, creando nuova occupazione e attraendo investimenti.

Progetto Over_Under

Il Progetto Over_Under nasce con l’obiettivo di creare momenti di incontro e di scambio tra le generazioni diverse nell’idea che le competenze, l’esperienza – ma anche la creatività – della generazione degli Over 50 possa sposarsi con le idee e le energie della generazione degli Under 30 per creare e implementare impresa e lavoro anche alla luce di nuovi modelli di business quali quelli promossi dalla sharing economy.

Coworking

L’Amministrazione Comunale ha deciso di promuovere e sostenere il coworking quale possibile risposta innovativa e funzionale al cambiamento del mondo del lavoro, caratterizzato da uno sviluppo delle cultura imprenditoriale e da un aumento del numero dei freelance.
Con deliberazione della Giunta Comunale n. 2748 del 23.12.2014 sono state pertanto approvate le linee di indirizzo per l’attuazione di un nuovo avviso pubblico per l’aggiornamento dell’elenco qualificato di soggetti fornitori di servizi di coworking nella Città di Milano, per l’erogazione di incentivi economici a favore di coworkers e di soggetti iscritti nell’elenco qualificato.

Occupami

Progetto del Comune di Milano e Camera di Commercio di Milano concepito nell’ottica di sostenere l’occupazione in questo difficile periodo di crisi.
L’obiettivo è stato creare nuove opportunità di lavoro e  la risposta delle aziende è stata alta.
Il bando OccupaMi, giunto alla seconda edizione,  ha messo a disposizione di start up e nuove imprese registrate da meno di 48 mesi, micro e piccole-medie imprese esistenti da più di 4 anni, 2,5 milioni di euro per favorire l’occupazione. Un milione e 250mila euro messi a disposizione dal Comune per le aziende cittadine e altrettanti dalla Camera di Commercio per le realtà imprenditoriali presenti nell’intera provincia di Milano.

Istituzione della consulta cittadina degli studenti, dei dottorandi e dei ricercatori delle Università e delle Accademie milanesi

La delibera, da me proposta, prevede l’istituzione de La Consulta degli Studenti universitari, che sarà formata da 11 membri con diritto di voto, uno per ogni ateneo o accademia e potrà esprimere pareri obbligatori in tema di servizi per gli studenti, sviluppo dei rapporti con le Università, tematiche relative all’accoglienza e agli alloggi. Potrà essere chiamata a esprimersi dal Comune anche su progetti innovativi per la promozione di lavoro e impresa e su iniziative volte all’ attrazione, alla circolazione e alla valorizzazione dei talenti. Potrà essere coinvolta e sentita in fase di predisposizione delle delibere del Comune e formulare proposte, anche aprendo le proprie sedute alle altre componenti del mondo universitario e ad esperti.
La Consulta promuoverà più intense sinergie tra le comunità universitarie e tra queste e la città, costituendo anche un prezioso luogo di confronto in vista di qualunque iniziativa significativa per la città.