Un commento sull’intervista a Stefano Parisi

Pessima intervista oggi di Stefano Parisi su Libero. Pessimo che non colga l’opportunità che abbiamo aperto con il Patto per Milano di programmare insieme al Governo più di 2.5 miliardi di investimenti nei prossimi anni su infrastrutture e riqualificazione periferie. Pessimo accusare di retorica l’Assessore Majorino che negli ultimi tre anni ha svolto il difficilissimo lavoro, insieme a tante associazioni del terzo settore che meriterebbero più rispetto, di gestire un flusso di più di 106.000 rifugiati. Pessimo definire il Sindaco un mero esecutore di Renzi quando Milano non ha mai fatto mancare la propria iniziativa e traino, a partire dal ruolo internazionale che stiamo giocando, in particolare nel dopo Brexit. Definire poi questa Giunta allo sbando è la prova del nove di un atteggiamento strumentale. Parisi infatti è in grande difficoltà, da capo di una coalizione ampia di centrodestra si è ritrovato a leader di una minoranza di Forza Italia. Ad inseguire i toni di Salvini però risulta molto poco credibile. Noi continueremo, come abbiamo sempre fatto in questi mesi, a non sottrarci al confronto con tutte le forze del consiglio comunale – dal tema degli Scali Ferroviari, a quello dell’immigrazione o dei luoghi di culto – con l’obiettivo di portare soluzioni concrete alla nostra città al di là di ogni strumentalizzazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *