Dibattito in Consiglio Comunale sulle politiche di accoglienza

Oggi dibattito in Consiglio Comunale sulle politiche di accoglienza per i richiedenti asilo. La nostra Milano in meno di tre anni ha accolto più di 106.000 profughi (dei quali 21.000 bambini) per l’85% provenienti da Siria e Eritrea. Dobbiamo essere orgogliosi e consapevoli di quanto fatto anche grazie alla collaborazione col terzo settore e nonostante le grandi difficoltà degli altri livelli istituzionali, a partire dall’Unione Europea. La destra in tutto questo ha promosso egoismo istituzionale (invitando i comuni a rifiutare l’accoglienza) e sociale (additando i profughi come capri espiatori delle difficoltà del nostro welfare) senza portare mezza soluzione (anzi creando problemi come per il veto sull’utilizzo del Campo base di Expo) e consolidando alleanze in Europa con chi è radicalmente contrario ad una gestione continentale del fenomeno (Le Pen). A noi resta la responsabilità di una risposta concreta fondata sui diritti e la dignità della persona: pressione costante su UE e Governo per una coordinata gestione dei flussi, equa distribuzione dei profughi tra i comuni, velocità nelle procedure di riconoscimento, adeguate politiche di integrazione per chi resta, Milano su tutti questi temi può rappresentare un esempio positivo capace di migliorare l’intero sistema nazionale di accoglienza.